La città giapponese di ha commemorato le del 75 anni fa con un rinnovato appello per l’abolizione di tutte le nucleari nel mondo. Alle 11:02 (ora locale), l’ora in cui la bomba atomica “Fat Man” sganciata da un bombardiere statunitense esplose su il 9 agosto 1945, i partecipanti alla cerimonia commemorativa osservano un minuto di silenzio. In vista delle preoccupazioni per una nuova corsa agli armamenti nucleari, il sindaco di Tomihisa Taue ha invitato il governo conservatore di destra del suo stesso paese ad aderire a un trattato delle Nazioni Unite del 2017 che vieta le nucleari domenica in una cerimonia commemorativa. Il suo collega di lo aveva richiesto dal tre giorni prima; la città è stata anche vittima di una bomba atomica statunitense.

Nella sola , 75 anni fa circa 70.000 persone sono morte per impatto diretto e altre 75.000 sono rimaste ferite. Tre giorni prima, gli Stati Uniti avevano devastato con una bomba atomica con una potenza esplosiva inferiore. Sotto l’impatto della , l’Impero giapponese si arrese il 15 agosto 1945. e divennero note in tutto il mondo come simboli di pace come le prime città devastate da una bomba atomica.

Nel suo discorso, il sindaco di ha avvertito con urgenza della rinnovata minaccia crescente delle nucleari nel mondo. “Se, come per il nuovo coronavirus, che non temevamo fino a quando non si diffonde nelle nostre immediate vicinanze, la minaccia rappresentata dalle nucleari si accorge solo quando vengono nuovamente utilizzate, siamo in una posizione irrevocabile”, ha avvertito Taue . Il , finora l’unico paese caduto vittima delle bombe atomiche durante la , deve fare di più per un mondo libero dalle nucleari.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.