DOPO LO SFOGO SU FACEBOOK DI LATORRE “UMILIATO COME MILITARE E COME UOMO”, L’ ESPRIME SCONCERTO PER OBBLIGO DI FIRMA ANCORA A CARICO DEI DUE DI .

RUOCCO (PRESIDENTE ) “CHIEDIAMO IMMEDIATA REVOCA DEL PROVVEDIMENTO. SOLIDARIETÀ AI DUE COLLEGHI INGIUSTAMENTE ACCUSATI E ALLE LORO FAMIGLIE.”

, uno dei due della Militare coinvolti nella nota vicenda “Enrica Lexie”, si è sfogato ieri con un post su Facebook per l’obbligo, ancora in vigore, di firmare un registro presso la caserma dei carabinieri.

Sul fatto interviene l’Associazione Nazionale Sottufficiali d’Italia, che esprime sconcerto per l’obbligo di firma ancora a carico dei due colleghi e chiede l’immediata revoca del provvedimento e di tutte le altre restrizioni alla loro libertà.

“Dopo la decisione del Tribunale arbitrale internazionale dell’Aja, che a inizio luglio ha sancito l’incompetenza giurisdizionale dell’India a processare e Salvatore Girone, pensavamo che l’India non avesse più nessuna giurisdizione sui due di – dichiara Gaetano Ruocco, presidente nazionale dell’, l’associazione nazionale sottufficiali d’Italia – invece, a distanza di un mese, sono ancora costretti all’umiliante quotidiano obbligo di firma.

Il Tribunale internazionale ha sancito che il 15 febbraio 2012, i due di hanno agito in qualità di funzionari dello Stato italiano, impegnati nell’esercizio delle loro funzioni e pertanto non processabili da altro Stato – prosegue Ruocco – l’obbligo di firma lede la dignità dei nostri colleghi e la serenità delle loro famiglie.

Chiediamo, con forza, l’immediata revoca del provvedimento e di tutte le altre restrizioni alla loro libertà personale – conclude il presidente nazionale dell’ – ed esprimiamo la nostra affettuosa vicinanza a e Salvatore Girone, due onesti servitori della Patria Italiana.”

, Associazione Nazionale Sottufficiali d’Italia

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.