Una grande specie di dinosauro corazzato, Ankylosaurus magniventris, beve da un corso d’acqua mentre un asteroide si schianta sulla penisola dello Yucatán in Messico 66 milioni di anni fa

L’era dei dinosauri si è conclusa 66 milioni di anni fa in tempi molto brevi, non un periodo prolungato di cambiamento climatico provocato dall’attività vulcanica come sostiene la precedente teoria.

L’asteroide delle dimensioni di una città che si schiantò sulla Terra avrebbe fatto precipitare il pianeta in un inverno durissimo, che sarebbe durato per anni, creando così un mondo in gran parte inadatto per i dinosauri. Il nuovo studio ha di fatto declassato la teoria che massicce eruzioni vulcaniche nelle trappole di Deccan, un’area che oggi si trova nell’India moderna, avrebbero svolto un ruolo significativo nella loro scomparsa.
“I ruoli relativi di questi due potenziali meccanismi di uccisione sui tempi e sull’entità dell’estinzione sono stati oggetto di accesi dibattiti per decenni”, ha affermato lo studio.
“Mostriamo che solo l’impatto dell’asteroide, in particolare con le sue conseguenze prolungate, è stato il vero motore dell’estinzione”, ha detto Alessandro Chiarenza, che ha condotto la ricerca mentre studiava per il suo dottorato nel dipartimento di scienze della terra e ingegneria all’Imperial College di Londra.
“L’attività vulcanica potrebbe avere avuto un ruolo minore rendendo più difficile la prosperità dei dinosauri prima dell’impatto con l’asteroide? No, dimostriamo che l’attività di Deccan Traps, se non altro, avrebbe potuto tamponare gli” effetti negativi “dell’impatto sul clima, potenziando potenzialmente la ripresa dopo l’evento di estinzione “.

Per determinare se fosse l’asteroide a colpire al largo delle coste del Messico o l’attività vulcanica che ha scatenato i gas che cambiano il clima, il team ha combinato marcatori geologici del clima e potenti modelli matematici con informazioni su quali tipi di fattori ambientali, come le precipitazioni e temperatura, dove ogni specie di dinosauro doveva prosperare.

Gli scienziati sono stati quindi in grado di mappare dove queste condizioni sarebbero esistite dopo un attacco di asteroidi o un periodo di vulcanismo estremo. Hanno scoperto che l’attacco di asteroidi da solo ha spazzato via tutti i potenziali habitat di dinosauri, mentre il vulcanismo ha lasciato alcune regioni vitali attorno all’equatore.
“Invece di usare solo la documentazione geologica per modellare l’effetto sul clima che l’asteroide o il vulcanismo potrebbero aver causato in tutto il mondo, abbiamo spinto questo approccio un passo avanti, aggiungendo una dimensione ecologica allo studio per rivelare come queste fluttuazioni climatiche hanno gravemente colpito gli ecosistemi”, ha dichiarato Alex Farnsworth, paleoclimatologo presso l’Università di Bristol e co-autore principale dello studio, in una nota.
“L’impatto dell’asteroide avrebbe creato un clima troppo difficile per i dinosauri per sopravvivere, con temperature di congelamento globali per molti anni che non permettevano alla vegetazione di crescere destabilizzando la base delle reti alimentari su cui si trovavano i dinosauri”, ha spiegato.
Lo sciopero degli asteroidi avrebbe rilasciato particelle e gas in alto nell’atmosfera, bloccando il sole per anni e causando inverni estremamente freddi che hanno reso impossibile la sopravvivenza di quasi tutte le specie di dinosauri, ad eccezione di quelle che si sono evolute in uccelli.
“In un giorno, in un batter d’ occhio, tutto finì per loro” disse Chiarenza.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.