Alessandra Grimaldi è nata a Roma, ma fino a lunedì aveva ammirato il Colosseo solo dall’esterno. Insieme a suo figlio di sei anni, Leonardo, fu tra i primi gruppi di 14 visitatori ad entrare nell’antico anfiteatro mentre riapriva le sue porte.

“Secondo me siamo nella città più bella del mondo”, ha detto. “E ora abbiamo l’opportunità di visitare luoghi in modo diverso, ci sono così pochi di noi che possiamo goderne di più. Leonardo inizierà presto a conoscere la storia romana, quindi fare questo tour è d’obbligo. ”

Il Colosseo, completato sotto l’Imperatore Tito nell’80 d.C., è stato tra i molti siti culturali famosi d’Italia, tra cui i Musei Vaticani, a tornare in vita lunedì dopo essere stato chiuso per più di tre mesi a causa della pandemia di coronavirus.

E molti romani stanno sfruttando appieno tutti i punti di riferimento della città: sono sparite le code da serpente, i pedali stradali e le biglietterie.

“Questo è l’unico rivestimento d’argento durante questi tempi bui”, ha detto Francesco Cipolla, 25 anni, che vive vicino a Roma e stava anche visitando il Colosseo per la prima volta. “È incredibile essere all’interno di questa gigantesca struttura romana. È tempo di apprezzare tutto ciò che abbiamo. La mancanza di folle ti aiuta a vivere di più l’esperienza. Dopo andremo ai Musei Vaticani ”.

Valentina Illuminati e Gennaro Apicella, entrambi attori, godono anche di essere turisti nella loro città.

“Stiamo programmando di acquistare un biglietto nel tardo pomeriggio, così possiamo goderci il tramonto”, ha detto Illuminati, che è stato una volta prima. “Al momento non stiamo lavorando, quindi stiamo sfruttando al massimo ciò che Roma ha da offrire.” Apicella, che entrerà nel sito per la prima volta, ha dichiarato: “Ora è il momento di godere della bellezza della città”.

Sebbene i siti senza folla siano una buona notizia per i residenti, il governo italiano si sta arrampicando per salvare un settore turistico che rappresenta il 13% del PIL del paese e crea migliaia di posti di lavoro. Le restrizioni sui viaggi interregionali saranno revocate mercoledì, lo stesso giorno in cui l’ Italia aprirà le sue frontiere ai viaggiatori provenienti dagli stati dell’UE, consentendo alle persone di entrare nel paese senza requisiti di quarantena.

Monumenti e musei hanno dovuto adattarsi all’era post-lockdown, assicurandosi che i turisti possano visitare i siti in modo sicuro pur sapendo che le entrate ne risentiranno drasticamente.

Prima della pandemia, il Colosseo poteva contenere fino a 3.000 persone alla volta. Ora, solo i gruppi di 14 possono entrare, con il personale che deve garantire un intervallo di 15 minuti tra ciascun gruppo. I visitatori devono acquistare i loro biglietti online, indossare maschere e farsi misurare la temperatura prima di entrare. All’interno, le persone devono tenersi ad almeno 1 metro l’una dall’altra. Il personale medico è a disposizione nel caso in cui qualcuno presenti sintomi del virus.

“Abbiamo fatto molti sforzi per riaprire, in modo da poter essere pronti ad accogliere le persone e garantire la sicurezza, per visitatori e personale”, ha detto al Guardian Alfonsina Russo, direttore del Parco archeologico del Colosseo. “Oggi è un giorno importante … stiamo riaprendo un simbolo di Roma e dell’Italia. Ma è anche un simbolo di speranza. ”

Altri importanti siti italiani che hanno recentemente aperto le loro porte includono la Torre pendente di Pisa e il parco archeologico di Pompei. La Galleria degli Uffizi di Firenze apre martedì.

L’Italia di solito accoglie circa 63 milioni di visitatori stranieri all’anno, con il loro arrivo essenziale per l’economia anche se storicamente solleva preoccupazioni per l’impatto sui siti antichi. Ci vorrà del tempo prima che il settore si riprenda completamente.

Ma Russo ha detto che sperava che la crisi potesse diventare un’opportunità. “Ora abbiamo la possibilità di creare una cultura turistica più sostenibile e consapevole”.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.