“Riguardando il , non credo ancora che stavo volando”: Sophia rivive l’horror crash più terrificante e incredibile mai avvenuto.

Era la finale del Gran Premio di Macao di del 2018 e la macchina di Sophia era letteralmente decollata a una velocità di quasi 300 Km/h.

Si era scontrata con l’auto guidata dal giapponese Sho Tsuboi e aveva rimbalzato sulle barriere di sicurezza prima di schiantarsi con un tonfo terribile.
aveva solo 17 anni a quel tempo, e mentre la folla urlava per l’orrore, la reazione immediata degli osservatori fu di mettere in dubbio come chiunque potesse sopravvivere a un simile incidente.
In qualche modo , miracolosamente, è sopravvissuta, anche se si era fratturata la schiena.
Dopo una settimana in ospedale a Macao – durante la quale è stata sottoposta a un’operazione di 11 ore per riparare la frattura e rimuovere una scheggia ossea pericolosamente vicina al suo midollo spinale – è tornata a casa e notevolmente, appena quattro mesi dopo il suo orribile incidente , era tornata al posto di guida.

Ripensando all’incidente – sembra che sia successo a qualcun altro, secondo Floersch.
“Riguardando il , non credo ancora che io stessi volando perché non mi sentivo così quando ero in macchina”, ha detto Floersch.
“Certo, ho già commesso degli arresti anomali, molto tempo fa. A parte le interviste, non ci penso più né ne parlo più perché non me la sento”

Floersch durante il 65 ° Gran Premio di Macao per le strade di Macao, Cina, 18 novembre 2018.

Durante la riabilitazione dopo l’intervento chirurgico, ha perso sette chilogrammi di massa muscolare e si è sentita come una “nonna” in palestra, ma non ha mai avuto la sensazione di non tornare a correre.

“Era sempre chiaro il mio obiettivo di tornare, guidare di nuovo, correre di nuovo e lottare per il mio sogno”, ha detto Floersch, onorata per la sua determinazione con il premio World Comeback of the Year ai Laureus World Sports Awards del 2020.
“Ero sicura di tornare e sapevo che più velocemente avrò di nuovo i miei muscoli, più veloce sarà la riabilitazione e potrò essere di nuovo in macchina. Questo è stato ciò che mi ha tenuto e cosa mi ha spinto a spingere ogni giorno ancora di più “.
La ripresa simile a Wolverine di Floersch la riportò in macchina in pochi mesi e, invece di intaccare la sua sicurezza, l’incidente e la sua guarigione sembrano aver avuto l’effetto contrario.
“Penso di aver avuto anche più fiducia. In questo momento in cui non mi era permesso guidare, ho visto tutti guidare da qualche altra parte perché avevano i test invernali in corso.
“In realtà è stato probabilmente il momento più difficile sapendo che non sono in grado di guidare e questo mi ha fatto capire ancora di più quanto sia importante lo sport per me e in qualche modo ha aumentato la mia fiducia. Se sono in macchina ora, mi diverto di più e sono più grata per quello che sono in grado di fare “.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.