Decine di migliaia di persone in lockdown da pandemia sono costrette ad evacuare nelle , all’arrivo del temutissimo Vongfong. Giovedì il ha colpito il Samar orientale verso mezzogiorno, ora locale. È la prima tempesta della stagione 2020 nel Pacifico occidentale. Vongfong genera venti di almeno 160 Km/h, un’intensità che lo rende l’equivalente di un di categoria 3.
A partire dalle 8 di venerdì, ora delle , l’amministrazione filippina di servizi atmosferici, geofisici e astronomici (PAGASA) ha dichiarato che il è stato rintracciato l’ultima volta sulle acque costiere della città di San Andres, spostandosi a nord-ovest a 14 chilometri all’ora, secondo lo stato Agenzia di stampa delle . San Andres si trova a Luzon, l’isola più grande e popolosa dell’arcipelago delle , e si trova a circa 225 chilometri a sud-est della capitale, Manila.
I venti violenti della tempesta hanno provocato l’evacuazione di decine di migliaia di persone, secondo l’agenzia di stampa Reuters.
Almeno 200.000 persone vivono nelle aree costiere vicino alla zona di Samar colpite.
Dopo che Vongfong ebbe raggiunto la terraferma, rimase su una pista verso ovest più a lungo del previsto, facendogli passare più tempo sulla terra e indebolirsi. La tempesta è ora un minimo e attraverserà Luzon nelle prossime 24-48 ore, ma sarà più una minaccia di pioggia e inondazioni che una minaccia del vento.
La pandemia ha complicato il processo di evacuazione in un paese spesso colpito dai tifoni. Più di 50 milioni di persone nelle vivono in base a rigide regole di blocco imposte dal presidente Rodrigo Duterte nel tentativo di contenere il virus.
Il paese ha attualmente 11.876 casi di malattia, secondo i dati della Johns Hopkins University .
Per contrastare la sua diffusione, i centri di evacuazione nelle centrali saranno riempiti solo a metà della capacità, secondo Reuters. Gli evacuati dovranno indossare maschere per il viso.

Si prevede che Vongfong ruoti gradualmente a nord-ovest ed è probabile che si indebolisca sulla terra.
Continueranno piogge significative su alcune parti delle Filippine, comprese le vaste regioni Visayas e Bicol e Luzon settentrionale.
La stagione dei tifoni del Pacifico occidentale non ha un inizio e una fine definiti come la stagione degli uragani nell’Atlantico, poiché durante l’anno si formano tempeste nell’area.
L’arrivo di Vongfong segna l’ottavo inizio della stagione dal 1950, secondo Phil Klotzbach , ricercatore presso la Colorado State University.
A causa della posizione delle Filippine nel Pacifico tropicale, il paese è colpito da circa otto a nove tempeste in un anno medio. Il è anche chiamato Ambo localmente nelle Filippine.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.