Hai avuto alcune esposizioni che potrebbero metterti a rischio di coronavirus. Pochi giorni dopo ti viene una brutta tosse e senti un po’ di respiro corto e davvero stanco. Provi la tua temperatura: 37,5°C. La febbre.

Sospetti di avere Covid-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus. I giorni si susseguono e il medico ti esorta a rimanere a casa a meno che le tue condizioni non peggiorino. Ti senti piuttosto male, però, e finalmente ottieni un appuntamento.

Ti fanno un tampone e ti viene detto che il test è risultato negativo, non sei infetto, e nel frattempo leggi le notizie delle celebrità che sono positive ma non sembrano così malate.

Il problema potrebbe riguardare il test. Gli attuali test di coronavirus possono presentare un tasso particolarmente elevato di errore. La buona notizia è che i test sembrano essere altamente specifici: se il test risulta positivo per la seconda volta, è quasi certo che tu abbia l’infezione.

Il test più comune per rilevare il coronavirus comporta un processo noto come reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa, o RT-PCR, un miscuglio di parole che descrive un metodo in grado di rilevare particelle di virus che sono generalmente presenti nelle secrezioni respiratorie durante l’inizio di un’infezione . Da un punto di vista tecnico, in condizioni ideali, questi test possono rilevare piccole quantità di RNA virale.

Nel mondo reale, tuttavia, l’esperienza può essere piuttosto diversa e il virus può essere perso. Il meglio che i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie possono dire è che se si ottiene un test negativo, “probabilmente non si è stati infettati al momento della raccolta del campione”. La parola chiave lì è “probabilmente”.

I risultati dei test falsi negativi – i test che indicano che non sei infetto, quando lo sei – sembrano essere scomodamente comuni. Sempre più e in modo inquietante, sento un numero crescente di storie aneddotiche dai miei colleghi dottori di pazienti che risultano negativi per il coronavirus e poi positivi – o persone che sono quasi certamente infette che stanno risultando negative.

Sfortunatamente, abbiamo pochissimi dati pubblici sul tasso di falsi negativi per questi test nella pratica clinica. La ricerca proveniente dalla Cina indica che il tasso di falsi negativi potrebbe aggirarsi intorno al 30 percento. Alcuni dei miei colleghi, esperti di medicina di laboratorio, esprimono preoccupazione per il fatto che il tasso di falsi negativi in ​​questo paese potrebbe essere ancora più elevato.

Ci sono molte ragioni per cui un test sarebbe falsamente negativo in condizioni di vita reale. Forse il campionamento è inadeguato. Una tecnica comune richiede la raccolta di secrezioni nasali molto indietro nel naso – e quindi la rotazione del tampone più volte. Questa non è una procedura facile da eseguire o che i pazienti tollerano. Altre possibili cause di risultati falsi negativi sono legate alle tecniche di laboratorio e alle sostanze utilizzate nei test.

Quindi, dove ci lascia? Anche con ulteriori test, è probabile che stiamo sottovalutando la diffusione del virus. Per ora, dovremmo supporre che chiunque potrebbe essere portatore del virus. Se hai avuto probabili esposizioni e sintomi suggeriscono l’infezione da Covid-19, probabilmente ce l’hai – anche se il test è negativo. Dovremmo tutti continuare a praticare i comportamenti – lavaggio rigoroso delle mani, non toccare il viso, distanziamento sociale – che ne impediscono la diffusione. E abbiamo bisogno di migliori informazioni sull’esecuzione di questi test, inclusi eventuali nuovi test introdotti, nel mondo reale.

Anche se emergono test migliori, dovremmo sempre mettere il risultato del test nel contesto delle altre informazioni che abbiamo. È una lezione che dura per tutta la medicina: guarda il quadro generale, non un singolo dato. Triangola sulla verità, usando tutte le fonti di informazione che hai, non importa quanto sia buono un singolo test. E non essere timido nel mettere in discussione una conclusione che non si adatta perfettamente ai fatti.

Harlan Krumholz, MD, è professore di medicina a Yale e direttore del Centro ospedaliero di ricerca e valutazione degli esiti di Yale New Haven.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.