Myanmar soldati uccidono bambino

Due soldati del hanno pubblicamente confessato di aver preso parte alle esecuzioni e alle sepolture di massa di civili nel 2017, in quella che secondo i funzionari delle è stata una campagna genocida contro la minoranza musulmana del Paese. Uno degli uomini, ha detto che gli è stato ordinato da un comandante: “Spara a tutto ciò che vedi e tutto ciò che senti”.

La testimonianza video dei soldati, registrata da una , è la prima volta che membri del Tatmadaw, come è noto l’esercito birmano, ammettono tali crimini, che includevano anche lo stupro e la distruzione di interi villaggi. I soldati sono stati portati all’Aia, dove la Corte penale internazionale sta indagando sulle azioni del Tatmadaw contro i .

I giornalisti affermano che i dettagli nelle testimonianze dei soldati sono in linea con le foto satellitari e i resoconti di testimoni e sopravvissuti, molti dei quali si trovano ora nei campi profughi in Bangladesh. Il ha ripetutamente negato qualsiasi campagna orchestrata contro i .
Un passo indietro: “Dopo aver ascoltato 100 storie di un villaggio bruciato al suolo, può esserci una sorta di somiglianza con le storie che sminuisce l’orrore”, ha detto Hannah Beech, capo dell’ufficio del Sud-est asiatico del Times. “Per ora avere i conti delle persone che lo hanno fatto, a cui è stato ordinato di farlo, penso che farà sentire alcune persone nei campi una sorta di giustizia”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.