Bielorussia manifestanti polizia

MINSK, – La polizia ha arrestato oltre 1.000 persone in durante le ultime contro i risultati delle presidenziali del paese


Le si sono svolte in 25 città bielorusse martedì e durante la notte, ha detto all’Associated Press la portavoce del ministero dell’Interno Olga Chemodanova. Migliaia di persone hanno manifestato nella capitale Minsk e in molte altre città per tre notti per contestare i risultati delle

Alcune persone, alcune di etnia , tengono un poster con la scritta “ senza Lukashenka! Libertà per i prigionieri politici” e gridano slogan anti-Lukashenko mentre si riuniscono per sostenere l’opposizione di fronte all’ a . Migliaia di sostenitori dell’opposizione che protestavano contro i risultati delle hanno subito tattiche di polizia aggressive nella capitale Minsk e in diverse altre città bielorusse.

La Commissione elettorale centrale ha riferito che il presidente Alexander Lukashenko ha vinto un sesto mandato nelle di domenica con l’80% dei voti. La candidata principale dell’opposizione Sviatlana Tsikhanouskaya, che aveva attirato folle enormi in occasione di eventi elettorali in cui gli elettori esprimevano frustrazione per i 26 anni di governo dell’autoritario Lukashenko, ha ottenuto solo il 10%

La polizia schierata per interrompere le post-elettorali ha usato manganelli, granate assordanti, gas lacrimogeni e proiettili di gomma. Un manifestante è morto lunedì durante la a Minsk e molti sono rimasti feriti. Il gruppo bielorusso per i diritti umani Viasna ha detto che molte persone hanno paura di cercare aiuto medico, temendo che siano perseguite penalmente per aver partecipato alle .

“Abbiamo informazioni che gli operatori sanitari sono obbligati a denunciare tutte le ferite e le ferite alla polizia, e i medici vedono i manifestanti non come vittime ma piuttosto come nemici della stabilità della ”, ha detto l’avvocato di Viasna Pavel Sapelko.

All’inizio di questa settimana il comitato investigativo della ha lanciato un’indagine criminale sulle rivolte di massa. Circa 3.000 persone sono state arrestate dopo le di domenica e altre 2.000 dopo le iniziate lunedì sera e protratte fino a tarda notte.

L’agenzia di stampa statale Belta ha riferito mercoledì che la polizia ha arrestato “coordinatori di rivolte di massa” nella capitale Minsk. Gli uomini detenuti presumibilmente “hanno gestito centinaia” di manifestanti e sono stati accusati di averli pagati per partecipare ai disordini, ha detto Belta.

Quasi 30 giornalisti sono tra i detenuti, ha detto mercoledì l’Associazione dei giornalisti. Tre sono già stati condannati a 10-15 giorni di arresto amministrativo e altri 25 rimangono in carcere, in attesa del loro turno per affrontare un tribunale.

Durante le di martedì notte, i giornalisti di diversi organi di stampa bielorussi e internazionali sono stati picchiati. Gli agenti hanno sequestrato schede di memoria a un gruppo di fotografi, tra cui uno per l’Associated Press, mentre riprendevano la della polizia.

“È iniziata una deliberata caccia ai giornalisti con media indipendenti bielorussi e stranieri”, ha detto Boris Goretsky, vice presidente dell’associazione dei giornalisti. Lukashenko, che governa il paese con il pugno di ferro dal 1994, ha deriso l’opposizione politica definendola “pecora” manipolata da padroni stranieri e ha promesso di continuare a prendere una posizione dura sulle proteste.

Tsikhanouskaya, 37 anni, ex insegnante di inglese che è entrata in corsa dopo l’incarcerazione del marito in , ha lasciato il paese per la Lituania martedì in un brusco voltafaccia, poche ore dopo aver contestato pubblicamente i risultati del voto e aver presentato una richiesta formale di riconteggio. La sua campagna ha detto che ha fatto la mossa sotto costrizione.

La sua partenza da Minsk non ha scoraggiato i manifestanti dal tornare in piazza. Diversi hanno detto all’AP che le continueranno. Le azioni della polizia di questa settimana hanno suscitato dure critiche da parte dell’Unione Europea e degli Stati Uniti.

Gli sviluppi in saranno all’ordine del giorno di una riunione urgente dei ministri degli esteri dell’Unione europea venerdì, ha twittato il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell. L’incontro è stato convocato il giorno dopo che Borrell ha detto che il blocco di 27 nazioni avrebbe riesaminato le sue relazioni con la e se prendere “misure contro i responsabili delle violenze osservate, degli arresti ingiustificati e della falsificazione dei risultati elettorali”.

Nel 2016, l’Unione europea ha revocato la maggior parte delle sanzioni inflitte alla Bielorussia nel 2004 dopo che Lukashenko, una volta soprannominato “l’ultimo dittatore europeo in Occidente”, ha liberato i prigionieri politici e consentito le proteste.

Quest’anno il danno economico causato dal coronavirus e la risposta spavalda del presidente alla pandemia, che ha liquidato con disinvoltura come “psicosi”, ha alimentato un’ampia rabbia, aiutando a gonfiare i ranghi dell’opposizione e spingendo il leader bielorusso a scatenare una nuova contro il dissenso.

Tsikhanouskaya, che non ha alcuna precedente esperienza politica, è entrata in gara dopo l’arresto del marito. È riuscita a unire gruppi di opposizione frammentati e ad attirare decine di migliaia alle sue elettorali – le più grandi di opposizione in Bielorussia dal crollo dell’Unione Sovietica nel 1991.

Mercoledì, quasi 200 donne hanno marciato attraverso il centro di Minsk in solidarietà con i manifestanti feriti, cantando “Vergogna!” e portando fiori. “Siamo per una protesta pacifica”, ha detto all’AP Ksenia Ilyashevich, uno specialista IT di 23 anni.

“Abbiamo trovato il coraggio e siamo venuti a manifestare”, ha detto. “Centinaia e migliaia di bielorussi esprimono solidarietà con noi, ma hanno paura (di uscire allo scoperto). Siamo qui per tutti. “

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.