Hezbollah è stata una delle uniche parti ad opporsi alla legalizzazione. Martedì il parlamento libanese ha legalizzato la coltivazione di cannabis per uso medicinale, un’esportazione potenzialmente redditizia per un’economia che ha un disperato bisogno di valuta estera, alle prese con una crisi finanziaria paralizzante.
Sebbene coltivare la pianta sia illegale in Libano , la cannabis è stata a lungo coltivata apertamente nella fertile valle della Bekaa.

La decisione del Parlamento è stata “davvero guidata da motivazioni economiche, nient’altro”, ha affermato Alain Aoun, un anziano parlamentare del Movimento patriottico libero fondato dal presidente Michel Aoun. “Abbiamo riserve morali e sociali, ma oggi c’è la necessità di aiutare l’economia con qualsiasi mezzo”, ha detto a Reuters.

La mossa porterebbe entrate per il governo e svilupperebbe il settore agricolo mentre legalizzava la coltivazione che stava comunque procedendo illegalmente, ha detto. “Non vogliamo speculare sui numeri … ma diciamo che vale la pena provare”.

Hezbollah, un gruppo islamista sciita appoggiato dall’Iran, è stata una delle uniche parti ad opporsi alla legislazione approvata in una sessione martedì.

L’idea di legalizzare la coltivazione della cannabis con l’obiettivo di produrre medicinali ad alto valore aggiunto per l’esportazione è stata esplorata in un rapporto della società di consulenza McKinsey commissionata dal Libano nel 2018.

Il mese scorso, la polizia libanese ha effettuato il più grande spaccio di droga del paese quando ha sequestrato circa 25 tonnellate di hashish che sarebbero state introdotte clandestinamente in uno stato africano.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.