Alcune persone sottolineano che l’imminente primavera calda nell’emisfero settentrionale potrebbe rallentare o addirittura arrestare la diffusione della malattia. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che, in generale, le alte uccidono il nuovo virus. Ma ha ragione?

L’idea che un aumento delle possa impedire la trasmissione del nuovo virus della corona in primavera è principalmente dovuta al confronto con il virus dell’influenza. Per alcuni aspetti, i nuovi virus della corona sono simili ai virus dell’influenza e vengono trasmessi in modi simili (secrezioni respiratorie e superfici contaminate) e possono causare tipiche malattie respiratorie lievi che possono svilupparsi in polmonite potenzialmente letale.

Tuttavia, l’infettività e la gravità del nuovo virus della corona sono di gran lunga superiori a quelle dell’influenza e non è chiaro se la diffusione del nuovo virus della corona sarà influenzata dalle variazioni stagionali della temperatura. Vedi i casi scoppiati in Arabia Saudita, Kuwait e Singapore, con molto alte.

Per l’influenza, l’aumento della temperatura in primavera causerà una significativa riduzione del numero di pazienti con influenza e questa situazione continuerà fino all’emergere del freddo in autunno. La stagionalità dell’influenza è considerata la sensibilità del virus ai diversi climi e al sistema immunitario umano e ai modelli di comportamento causato da cambiamenti stagionali.

In primo luogo, il virus dell’influenza sembra avere maggiori probabilità di sopravvivere ai raggi UV freddi, secchi e indeboliti, in secondo luogo, per la maggior parte di noi, giorni più brevi in ​​inverno possono portare a livelli più bassi di vitamina D e melatonina, che influiscono sul sistema immunitario del corpo. In inverno, le persone trascorreranno più tempo con la famiglia e gli amici e sceglieranno di riscaldarsi in un ambiente chiuso, il che aumenta la probabilità di trasmissione del virus.

In che modo questi fattori influenzano la diffusione del nuovo ?

Allo stato attuale, gli scienziati non conoscono l’effetto della temperatura e dell’umidità sul nuovo stesso e sulla sua trasmissione: alcuni altri sono stagionali e l’inverno è un periodo di alta incidenza.

L’epidemia di SARS nel 2002-2003 è iniziata nell’inverno nell’emisfero settentrionale e si è conclusa nel luglio 2003. Nello stesso anno, il numero di persone infette dal virus SARS è aumentato leggermente, ma l’epidemia di SARS ha raggiunto il suo apice nel maggio più caldo. Riflette il tempo necessario per contenere il virus, non l’effetto del clima estivo sulla diffusione del virus. Allo stesso tempo, i associati alla SARS si diffondono principalmente nei paesi tropicali.

Rispetto all’influenza, la prevalenza del virus dell’influenza 2009-2010 è iniziata in primavera, gradualmente aumentata in primavera ed estate e ha raggiunto il picco negli inverni successivi. Questi dati indicano che durante l’epidemia del virus dell’influenza, la maggiore incidenza in molti paesi del mondo può consentire all’influenza di continuare per tutta l’estate. Sebbene l’Organizzazione mondiale della sanità non abbia dichiarato il 19 ° focolaio di influenza, molti esperti ritengono che il mondo stia attualmente entrando nella fase pandemica.

Pertanto, con il riscaldamento del clima, la diffusione del virus New Crown nell’emisfero settentrionale può essere ridotta e la diffusione dell’epidemia invernale nell’emisfero meridionale può essere aumentata. In termini meteorologici, è improbabile che questa crescente epidemia finirà.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.