Questo sito utilizza i cookie terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.   chiudi

 
Zodiaco:
vergine

 
Anno cinese:
cinghiale

 

Trovaci su FB!

Info

AlmanaccoNews, il vostro amico del giorno! Vi offre oroscopo, calcolo dei giorni, della Pasqua, dei santi, i proverbi, le notizie e i compleanni personalizzati; News del giorno, dal campo della medicina, della tecnologia e della cronaca, calcolo dell’alba e del tramonto, calcolo codice fiscale, photo-gallery, clip art, istruzione, consigli sullo shopping e tanto SPETTACOLO!

Bitcoin, the free money

bitcoin faucet.png
Click here and learn Bitcoin power!
Faucets, Hyip investments, Exchange, info…

Il Blog di Katya

Siete curiosi di leggere le ultime novità e le interviste più pazze nel mondo dello spettacolo? Divi e vip sotto torchio, con il microfono bollente di Katya Malagnini!
Vai alla pagina »

Vuoi un blog tutto tuo, completamente gratuito? Almanacco-News ti consegna le chiavi!
Scrivi a info@almanacco.org e mandaci la descrizione, una o più immagini e il titolo: riceverai il tuo blog nel giro di pochi giorni!

Giovedì  19  Settembre  2019
Santo del giorno: Gennaro v.
Proverbio del giorno: "chi ha tempo non perda tempo"
Pasqua quest'anno: 21 aprile
Le Ceneri quest'anno: 13 marzo
Pasqua il prossimo anno (2020) : 12 aprile
Nati oggi : Umberto Bossi, Carlo Fruttero

Morto il grande regista Franco Zeffirelli

franco-zeffirelliÈ scomparso a 96 anni Franco Zeffirelli, 70 anni di carriera tra teatro, lirica e cinema. Allievo di Visconti, ha segnato l’immaginario popolare con il suo Gesù di Nazareth
È morto Franco Zeffirelli. Il regista fiorentino se ne è andato stamani. Aveva 96 anni e stava lavorando al nuovo allestimento della Traviata di Giuseppe Verdi che venerdì prossimo inaugurerà la nuova stagione dell’arena di Verona.

Ha chiuso gli occhi nella sua casa di Roma, sull’Appia antica. Due occhi intensi. Che guardavano lontano. Quasi a cercare, nel cielo azzurro di un pomeriggio romano di due anni fa, quella che, oggi, è la sua nuova “casa”.

Ultima istantanea che ho di Franco Zeffirelli. Che gli acciacchi dell’età forse mal li sopportava perché la sua mente era sempre in attività, progettava, ideava, provava a trovare una nuova interpretazione di un’opera che, magari, aveva già messo in scena diverse volte: così il progetto della Traviata verdiana di Verona, sul tavolo insieme a un nuovo Rigoletto che avrebbe dovuto realizzare nel 2020 per l’Oman. «Quello che davvero mi manca è il contatto spirituale con le persone. Il pensare insieme, il creare insieme arte» diceva. Guardava lontano. Perché, da uomo di fede come non ha mai nascosto di esserlo – «nonostante i miei peccati», ammetteva – era convinto che «dobbiamo sperare. Solo quello. Affidarci e sperare. La fede è un dono, ne sono certo. L’ho avuto e devo tenerlo stretto».

Parole che ricordo ancora bene, dette, quasi sussurrando, l’ultima volta che l’ho incontrato nella sua casa romana sull’Appia Antica. Quattro chiacchiere in giardino. «Spesso mi metto qui. Guardo la natura. Il cielo. E penso. Penso che il passato non torna. Ma non mi intristisco perché ho avuto una vita piena, nonostante sia partita in salita: figlio illegittimo, una mamma morta quando avevo solo sei anni, cresciuto da una zia». Poche parole, con una voce che usciva un po’ a fatica rispetto a quando muoveva le masse sui set cinematografici o a quando indicava ai coristi come sfilare nella Marcia trionfale di Aida. E quegli occhi che, dopo aver guardato lontano, si sono chiusi per qualche momento di riposo. L’ho visto così l’ultima volta, in una sala della sua casa. Le tapparelle abbassate, una coperta sulle gambe. Oggi, quegli occhi, si sono chiusi per sempre. Franco Zeffirelli se ne è andato a 96 anni.

Una casa a Roma, ma Firenze, la città dove era nato il 12 febbraio 1923, sempre nel cuore. Anche a livello calcistico dato che era accanito tifoso della Fiorentina. Di recente, poi, nel capoluogo toscano, il varo del progetto della fondazione Zeffirelli dove è conservato il suo immenso patrimonio e i ricordi di oltre settant’anni di carriera. «Firenze se ti è amica ti esalta, ma se ti è ostile è capace di distruggerti» diceva un po’ a denti stretti indicando le molte stampe d’epoca con i palazzi e le piazze del capoluogo toscano alle pareti di casa, ma anche le foto scattate nei giorni dell’alluvione del novembre del 1966.

Zeffirelli, che all’anagrafe era Gian Franco Corsi (il padre lo riconobbe solo quando aveva 19 anni dopo che la madre si inventò un cognome pensando agli “zeffiretti” cantati da Ilia nell’Idomeneo di Mozart), dopo gli studi al collegio del convento di San Marco con Giorgio La Pira, si diplomò all’Accademia di belle arti di Firenze. Un’infanzia raccontata nel film Un tè con Mussolini. Da subito una grande passione per l’arte e lo spettacolo: le trasmissioni a Radio Firenze, gli spettacolo con il teatro universitario, una comparsa fugace sul grande schermo, nel 1947, ne L’onorevole Angelina di Luigi Zampa. Poi nel 1949 l’esordio come scenografo e costumista a Firenze per il Troilo e Cressida di Shakespeare con la regia di Luchino Visconti. La lunga collaborazione con Visconti, «che per me è stato come un padre», in teatro e sul set cinematografico per La terra trema e Senso. Poi la carriera registica iniziata nel 1954 al Teatro alla Scala con la Cenerentola di Rossini. Il primo film, Camping, nel 1957. Da allora regie liriche il tutto il mondo, dal Metropolitan di New York al Covent Garden ai kolossal pensati dagli anni Novanta per l’Arena di Verona. «La mia Bohème va ancora in scena e ogni volta che si apre il sipario sul quartiere latino mi dicono che scatta l’applauso» raccontava orgoglioso. Così come capita con Aida. «Ma la mia versione preferita resta quella in miniatura fatta per Busseto nel 2001». La meno trionfalistica. «Teniamoci in contatto, noi che amiamo la musica» la frase con cui si chiudevano molte delle nostre chiacchierate. Perché la lirica è stata la passione di una vita di Zeffirelli.

In più di settant’anni di carriera anche molta prosa, Shakespeare all’Old Vic di Londra, Schiller (una Maria Stuarda con Valentina Cortese e Rossella Falck) e Pirandello, Arthur Miller ed Eduardo in Italia. E il cinema, da Cinecittà ad Hollywood. Shakespeare anche qui, nel 1967 La bisbetica domata, l’anno successivo Romeo e Giulietta con le voci inconfondibili di Anna Maria Guarnieri e Giancarlo Giannini come doppiatori italiani dei due innamorati. Amleto arriverà nel 1990. Le opere liriche portare sul grande schermo e in tv come Cavalleria rusticana e Pagliacci con Placido Domingo, Traviata con Teresa Stratas e Otello con Carlos Kleiber. Ma anche una pellicola mai girata. «Aida doveva diventare un film. Me lo chiese il presidente egiziano Sadat. Per due mesi feci i sopralluoghi, ma poi, l’uccisione del presidente mandò tutto a monte».

Nel 2002, invece, un omaggio «a una delle grandi donne della mia vita», Callas forever: «Maria non poteva reggere il peso della vita, se ne è andata troppo presto, ma la porto sempre nel cuore». Fratello sole, sorella luna è del 1972 mentre il Gesù di Nazareth del 1977, anno in cui Zeffirelli è stato nominato Grand’ufficiale al merito della Repubblica italiana. «Penso che quel film sia il mio capolavoro. L’idea del sacro è fraintesa perché entra nella vita solo come una medicina per lenire i dolori, quasi un elisir magico. Io ho voluto invece raccontarlo come un aspetto che fa parte del quotidiano, un qualcosa che interroga e scuote e che deve aiutarci a scoprire le ragioni per cui Dio ci ha fatto e per cui ci ha dato talenti da far fruttare» ricordava a celebrando i 35 anni dall’uscita della pellicola. «Ci ho messo dentro la mia fede, quella alla quale mi sono aggrappato nei momenti difficili, da peccatore certo, ma soprattutto da uomo che ha sempre riposto la fiducia nel Signore» diceva ricordando poi «tutti i dolori e i drammi che ho vissuto nella mia vita, penso a quante persone care ho dovuto accompagnare nell’ultimo viaggio, li ho vissuti in una dimensione di speranza».

Una vita privata mai esibita. Schivo, Zeffirelli, nel raccontare della propria omosessualità, dimensione che lo ha sempre interrogato. Due figli adottivi, Pippo e Luciano, che lo hanno accompagnato nel mondo nelle sue avventure teatrali e cinematografiche e che gli sono stati a fianco sino all’ultimo. Nella casa piena di foto, tra gli amici di un tempo e gli artisti con cui ha lavorato, anche uno scatto del suo incontro con Papa Francesco. «In Bergoglio ho ritrovato quello spirito francescano che ho voluto mettere in Fratello sole, sorella luna» spiegava. Accanto alle foto i molti riconoscimenti: cinque David di Donatello, due Nastri d’argento, ma anche 14 nomination all’Oscar i riconoscimenti artistici per Zeffirelli che per due legislature, dal 1996 al 2001, è stato senatore nelle file del centrodestra. «Sono sempre stato appassionato nelle mie lotte civili, dalla militanza partigiana sino all’impegno politico con il centrodestra». Un impegno politico specie per varare una riforma dello spettacolo italiano. Impegno riconosciuto anche all’estero: nel 2004 la nomina da parte della regina Elisabetta a Cavaliere Commendatore dell’Impero britannico.

«Quante cose ho fatto. Mi stupisco guardando indietro» confidava Zeffirelli che negli ultimi anni, dopo aver progettato un nuovo film su San Francesco, aveva detto addio al cinema. «Non mi tenta più, anche perché per farlo bene occorrono energie immense». Sognava ancora, però. La fondazione, la formazione dei giovani. «Vorrei dedicare le mie ultime energie alla creazione di una compagnia di giovani che possano perseguire l’amore per l’arte e per il bello. Molti mi chiedono come ho fatto a fare tutto quello che ho fatto. Una ricetta non c’è, sicuramente occorre darsi basi solide, avere una vita che poggi su un’etica che possa orientare tutto quello che si fa» rifletteva. Ma nei suoi pomeriggi in giardino guardava oltre. «Il paradiso? Immagino possa essere un luogo dei ricordi dove la nostra vita sarà compiuta dall’incontro con Dio». Da oggi Franco Zeffirelli si è messo in viaggio verso quell’incontro.


 
 

Il calcolo della Pasqua

Perché la Pasqua non cade mai lo stesso giorno? Come si calcola la data? Queste sono le domande più comuni, che troveranno qui la risposta…
LEGGI TUTTO »

Crypto Faucets

bitcoin miniI migliori “faucets” (rubinetti gratuiti) per ricevere Bitcoin e altre cryptovalute:
Bonus Bitcoin
Moon Bitcoincash
Moon Dash
Bitfun
Moon Litecoin
Moon Dogecoin
Moon Bitcoin

Prima di usare i faucets dovete aprire un account su Coinpot, per ricevere le criptovalute » «QUI»

Ultimi 20 articoli

Guide turistiche

Tags

  Cronaca     Botanica     Cinema     Grafica     Tecnologia     Economia     Scienza     Sport         Salute     Musica     Animali     Barzellette     Stranezze     Spettacolo  

Disclaimer

Amministrazione

Statistiche